Spaghetti con Polpette al Sugo – Lilli e il Vagabondo

Gli spaghetti con polpette al sugo sono un primo piatto classico, saporito e sostanzioso. Chi di noi non le ha mangiate almeno una volta, soprattutto da bambini? Ognuno ha il proprio metodo e la propria ricetta per preparare questa golosità ed oggi vi vorrei proporre la mia versione, sperando naturalmente che vi piaccia 🙂 Io preparo le polpette senza uova (tanto in cottura non si sfaldano) e le cuocio direttamente nel sugo, senza prima friggerle, in modo da alleggerire un po’ questa pietanza che di suo è già ricca grazie alla presenza dei carboidrati, delle proteine e dei grassi. Spaghetti con polpette al sugoCon questa ricetta tradizionale ho deciso di inaugurare la nuova sezione del blog che vi avevo anticipato sulla pagina Facebook: “Piatti Cinematografici” ovvero tutti i piatti diventati famosi o comunque ripresi nei film, telefilm e cartoni animati. Infatti, ricordate la romantica scena del film di animazione della Walt Disney “Lilli e il Vagabondo”, in cui i due cagnolini dividono teneramente un appetitoso piatto di spaghetti con succulente polpettine? Ho già qualche altra idea in mente che spero di mettere in pratica presto (ultimamente mi manca tanto di quel tempo che avrei bisogno di una giornata da almeno 36 ore!!), ma intanto vi lascio a questa ricetta…buon appetito!

Ingredienti per 4 persone:

  • 250 gr di carne trita di tacchino (io uso sempre la sovracoscia perchè rimane morbida)
  • 80 gr di prosciutto cotto
  • ½ spicchio di aglio
  • 750 ml di passata di pomodoro
  • cubetti di trito per soffritto
  • Sale
  • Parmigiano
  • Olio evo
  • Pangrattato
  • Prezzemolo
  • 320 gr di spaghetti

Preparazione:

In una pentola larga e capiente far soffriggere a fiamma bassa il trito per il soffritto, aggiungere la passata di pomodoro, salare e lasciar cuocere sempre a fuoco dolce mescolando ogni tanto per evitare che il sugo si attacchi alla pentola e si bruci. Intanto preparare le polpette: sminuzzare il prosciutto cotto, il prezzemolo e l’aglio. Unirli alla carne trita, aggiungere una manciata di Parmigiano e aggiustare di sale e di pepe. Mescolare bene con le mani così da amalgamare tutti gli ingredienti in modo omogeneo, formare le polpettine e passarle nel pangrattato (più avete voglia di farle piccole, più saranno presentabili agli ospiti e facilmente mangiabili insieme agli spaghetti). P1060278Aggiungere le polpette al sugo, disponendole in modo che siano il più possibile coperte dal sugo e che non siano sovrapposte tra loro. P1060279Condire con un filo di olio e lasciar cuocere, mescolando delicatamente ogni tanto (all’inizio le polpette saranno abbastanza morbide e delicate, ma a mano a mano che la cottura prosegue diventeranno sempre più compatte). Dopo circa un’oretta, le mie polpette erano pronte, quindi le ho messe da parte e ho continuato a far cuocere il sugo, in modo che diventasse della densità giusta. P1060281Una volta pronto il condimento, cuocere la pasta in abbondante acqua salta, scolarla e amalgamarla al sugo di pomodoro. Dopo aver impiattato, condire con un po’ di parmigiano e con qualche polpetta.

Precedente Biscotti Vegan al Cacao – senza burro, senza latte e senza uova Successivo Cuori di Rosti di Patate e Peperoni

4 commenti su “Spaghetti con Polpette al Sugo – Lilli e il Vagabondo

  1. Adoro Lilli e Vagabondo, ma anche le polpettine al sugo! 🙂 Tanto per cambiare la mia ricetta (anzi, di mio papà) è bella grassa e poco sana, essendo le polpette preparate con le uova e fritte prima di essere messe nel sugo -.-‘ Ma lasciamo perdere, questa mi sembra la ricetta perfetta per inaugurare la nuova sezione, complimenti ancora per l’idea! 😀

    • acquafarinaefelicita il said:

      beh fatte come dice il tuo papà, le polpette sono tutta un’altra cosa 🙂 d’altronde il fritto, è il fritto!! Grazie per essere passata, mi fa sempre tanto piacere leggere i tuoi commenti <3

      • E a me fa davvero piacere leggerti!! Il tuo blog è una fonte ispiratrice molto apprezzata anche dalla mia famiglia, tra l’altro (da quando ho preparato le tagliatelle integrali per mia mamma sei una specie di idolo!) 😀 <3

        • acquafarinaefelicita il said:

          ahahahah! allora saluta la tua mamma da parte mia. E chissà che un giorno non riusciamo veramente a incontrarci visto che vado più spesso in Liguria che in piazza Duomo 😀

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.